Nelle ultime settimane la stampa internazionale ha diffuso una notizia secondo la quale il Cannabidiolo (CBD), sarebbe in grado di sconfiggere il Coronavirus

Negli articoli del nostro Blog abbiamo affrontato il tema ‘Cannabis’ in relazione all’emergenza Covid. Le sfide del futuro che l’emergenza ha determinato, riguardano anche l’ambiente ed i cambiamenti climatici. In questo senso la Canapa potrebbe avere un ruolo importante.

  • Per approfondire clicca al Link

Nelle ultime settimane la stampa internazionale ha lanciato una notizia secondo la quale il Cannabidiolo (CBD), una delle molecole presenti nella pianta di Cannabis, sarebbe in grado di sconfiggere il Coronavirus. In questo articolo cercheremo di capire di capirne di più sull’argomento e soprattutto cosa c’è di vero.

Conosci il CBD?

Il CBD è una delle molecole presenti nella pianta Cannabis, la più nota insieme al THC però rispetto a quest’ultimo, non ha effetti psicotropi.

La comunità scientifica, dà alcuni anni ormai, ha indagato le proprietà di questo cannabinoide che ha dimostrato interessanti proprietà terapeutiche.

Oggi il CBD è utilizzato all’interno di terapie mediche, ad esempio ha dimostrato la sua efficacia, secondo studi clinici, nel contrastare forme di epilessia farmacoresistente, o in casi meno gravi come stati ansiosi o patologie infiammatorie.

Lo Studio dell’Università di Lethbridge ad Alberta

I ricercatori canadesi dell’Università di Lethbridge hanno redatto uno studio, pubblicato sulla rivista Prepints, dove sono stati analizzati ben 400 ceppi differenti di cannabis, con l’obiettivo di trovare elementi in grado di prevenire l’infezione da Covid.

  • Per leggere lo Studio clicca Qui.

Il team di ricercatori ha utilizzato dei modelli 3D di tessuto orale, polmonare e intestinale con campioni di estratti di CBD provenienti da piante di Cannabis Sativa, a basso contenuto di THC.

L’efficacia del CBD

‘Gli estratti di CBD, potrebbero ridurre del 70% il numero di recettori cellulari utilizzati dal Coronavirus per entrare nell’organismo’ spiega Igor Kovalchuk, tuttavia servono ulteriori studi affinché si possa giungere a terapie a base di estratti di Cannabis.

‘Il livello di THC, era molto basso, quindi non ci aspettavamo particolari effetti collaterali – prosegue il ricercatore – e quello che emerge dai nostri test è una riduzione di alcuni recettori, quindi una possibilità più bassa di possibile contrazione del virus’.

‘Data la situazione – conclude Kovalchuk – è necessario prendere in considerazione ogni possibile opportunità terapeutica. Se il nostro studio sarà confermato dai test, potremmo prendere in considerazione l’opportunità di utilizzare estratti di CBD’.

Realtà o FakeNews?

Questa notizia si è diffusa rapidamente sul web, in un’intervista realizzata sul FanPage è intervenuto il dottor Privitera, medico siciliano, esperto in terapie a base di cannabis.

“Quando ci infettiamo con il virus, lui entra nelle cellule e le danneggia e si crea una prima risposta infiammatoria. Dopodiché i pazienti in cui si complica la situazione vanno in rianimazione per la risposta infiammatoria esagerata scatenata dal virus e questo è un meccanismo in cui la cannabis va ad agire come immunomodulatore. La cannabis in quest’ottica, così come è già stato dimostrato nel trattamento di polmoniti dovute ad altri agenti virali che danno quadri patologici simili, ha dimostrato di poter migliorare i risultati clinici migliorando la risposta infiammatoria.”

Possiamo concludere affermando che oggi è ancora prematuro dire che il CBD possa curare il Coronavirus, tuttavia è indispensabile continuare a sostenere la ricerca sulla cannabis ed i suoi estratti con l’obiettivo di migliorare il benessere della popolazione mondiale.

Per approfondire il tema ‘Canapa e Futuro’

  • Covid19, il Manifesto della Canapa per una ripresa Verde > Clicca Qui
  • Canapa, intervista con Grassi “Made in Italy nostro punto di forza” > Clicca Qui
  • La plastica al tempo del Covid, la Canapa ci salverà? > Clicca Qui
  • Virus, cambiamenti climatici e Canapa: le sfide del futuro > Clicca Qui
  • Biomassa di Canapa, proprietà e qualità del prodotto > Clicca Qui